Biblioteche scolastiche, forse una speranza c’è…

Osvaldo 4

di Gino Roncaglia

[…]

Non era affatto ovvio che all’interno del PNSD fosse prevista una azione specifica per le biblioteche scolastiche, dato che l’immagine tradizionale delle biblioteche scolastiche è abbastanza lontana dal mondo digitale. Non era affatto scontato che questa azione “non” si riferisse esclusivamente all’idea di biblioteca digitale, ma guardasse alla biblioteca scolastica anche come luogo fisico, e come luogo in cui risorse informative tradizionali e digitali si incontrano e collaborano. Continua a leggere “Biblioteche scolastiche, forse una speranza c’è…”

Annunci

LA SCUOLA DELLE STORIE. Educare a leggere, a scuola, in biblioteca, in famiglia

chambers

Le storie sono la forma attraverso la quale usiamo la lingua per creare e ricreare noi stessi – le nostre idee su chi siamo, da dove veniamo, che cosa possiamo diventare. La lingua è il dio che ci crea. Non sono le esperienze che viviamo a cambiarci e a formarci, come comunemente si crede, ma le storie che noi raccontiamo di quelle esperienze. Finché non abbiamo ridato forma alle nostre vite in un racconto strutturato in narrazione, non possiamo trovare e contemplare il significato delle esperienze che abbiamo vissuto. Sono le storie a cambiarci, non gli eventi che viviamo.

Aidan Chambers

La scuola delle storie sono delle giornate di studi e approfondimenti operativi sulla letteratura giovanile e l’educazione alla lettura in compagnia di Aidan Chambers. Il progetto è di Equilibri, la storica cooperativa di promozione della lettura di Modena (http://www.equilibri-libri.it/), in cui sono attivi fin dagli anni Ottanta, tra gli altri, Eros Miari e Vera Sighinolfi. Continua a leggere “LA SCUOLA DELLE STORIE. Educare a leggere, a scuola, in biblioteca, in famiglia”

Da In vitro al Programma 0-6, firmato il Protocollo d’Intesa tra Sanità, Istruzione e Beni Culturali

00Presso l’Istituto Comprensivo Regina Margherita di Roma, l’8 giugno 2016 è stato presentato il report finale sul progetto In vitro. Il ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Franceschini, il ministro della Salute Lorenzin e il ministro dell’Istruzione Università e Ricerca Giannini hanno firmato un Protocollo d’Intesa per la promozione della lettura nella prima infanzia, il Programma 0-6. Continua a leggere “Da In vitro al Programma 0-6, firmato il Protocollo d’Intesa tra Sanità, Istruzione e Beni Culturali”

Dimissioni in blocco dopo il bando del MiBACT

Clamorose dimissioni di Giovanni Solimine dal Consiglio superiore dei beni culturali e di tutto il Comitato tecnico scientifico per le biblioteche e gli istituti culturali formato da  Mauro Guerrini, Luca Bellingeri, Gino Roncaglia e Paolo Matthiae.

Si tratta di un atto coraggioso che trae origine da una situazione non più sostenibile nel comparto delle biblioteche, che ha subito l’ennesimo colpo di noncuranza con il bando per il reclutamento di 500 funzionari al MiBACT, di cui solo 25 riservati a bibliotecari.

Il mondo dei bibliotecari, unanime, ha espresso solidarietà e stima ai colleghi per questo atto di responsabilità e di dignità per la professione.

Giovanni Solimine spiega nel dettaglio le ragioni della sofferta decisione.